Trump: i media sono un partito d’opposizione

Per il neo Presidente degli USA Donald Trump alcuni media sarebbero peggio del Partito Democratico

 

Il Presidente degli USA Donald J. Trump ha dato espressamente ragione al suo stratega Stephen Bannon. Quest’ultimo nell’aver rilasciato un’intervista al New York Times ha affermato che i media sono il partito d’opposizione. Inoltre questi ha aggiunto che sono peggio del Partito Democratico. Ovviamente il buon Donald non poteva fare altro che dargli ragione. Ospite a “The Brody File”, il nuovo Presidente non voleva rivolgersi a tutti i media ma ad una grande fetta. Secondo lui questi si sarebbero apertamente schierati a favore del candidato democratico Hillary Clinton. Oggigiorno è un grande malessere quello dei media occidentali. La gente finisce per credere a quello che vede in televisione, a volte non sapendo che si tratta di complete stupidaggini. Si fa tutto per distogliere lo spettatore da quello che è il tema centrale della notizia giornalistica, e si fa di tutto per screditare il nemico. Ci sono teorie che affermerebbero la presenza dei servizi segreti in TV. Ormai al giorno d’oggi non mi stupirebbe una cosa del genere. Tornando a Trump ci tengo a dire che un Presidente così dinamico e risolutivo non si era mai visto. Complice la sua esperienza in TV e nel mondo dello spettacolo che ha contribuito ad accrescerne il mito. Un mito che non si sta limitando solo alle parole, ma che ci sta andando giù pesante. Dopo aver eliminato gli States dal TPP (Partenariato Trans-Pacifico), tolto gli incentivi per l’aborto, incontrato dirigenti delle grosse multinazionali automobilistiche e rafforzato l’esercito, mi sento di dire che ha fatto più lui in questi giorni che il predecessore. Obama è stato e continuo a ribadirlo il Presidente più criminale della storia con una bomba innescata ogni venti minuti e con una vendita d’armi ai paesi medio-orientali che sfiora quasi i 200 miliardi di dollari. Molti droni americani hanno colpito civili in questi paesi. Basti ricordare la guerra dimenticata in Yemen che ha causato in meno di due anni diecimila morti a causa dell’Arabia Saudita, storico alleato della CIA. Non dimentichiamoci anche del caro George Bush, che non è stato più bravo di Obama. Anzi, è stato proprio quest’uomo a dare l’assenso alla distruzione delle Torri Gemelle nel 2001. Trump ha portato una ventata d’aria fresca all’America e come dice il suo motto: WE WILL MAKE AMERICA GREAT AGAIN. Io ci spero, e sono sicuro che la ventata d’aria fresca sarà duratura.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti